Passa ai contenuti principali

Jun e Dee Dee: il sogno si avvera!

Venerdì 24 Novembre 2017 è arrivato a casa Dee Dee (Nerone). 
Venerdì ero in completa agitazione, la mattina ho vagato per tutta casa come una pazza, poi avevo la visita dall'omeopata ed avevo paura di arrivare in ritardo in canile. 
Arrivo, in canile c'era una mezza emergenza, quindi ho dovuto attendere, sono andata in bagno di corsa perché dall'agitazione me la stavo per fare addosso. 
Compilo i fogli e prendo Dee Dee, arrivo a Firenze sud, coda in autostrada e naturalmente io me la stavo rifacendo sotto. Arrivo a casa, saliamo e visto che ormai era tardi decido di uscire velocemente tutti e 3 a fare la passeggiata. Se ho ancora le braccia è per miracolo. La prima sera sono un fascio di nervi, entrambi sono agitati ed io non voglio fare cazzate. Preparare la cena per loro è un delirio, cercare di evitare che la situazione degeneri in una situazione spiacevole anche. L'ora di andare a letto si avvicina ed io provo a farli dormire separati, ma lui da solo proprio non ce la fa a stare, allora decido di armarmi di santa pazienza e lo porto in camera con noi. 
Riusciamo a dormire con Jun sotto le coperte con me e lui sul suo cuscino. A metà nottata lui si alza e cerca qualcosa da mordere, siccome non sapevo cosa avevo preso da mordere mi alzo anche io e porto quello che aveva preso di la in camera. Poi dormono tranquilli tutti e due fino alle 8.00. La giornata di sabato va decisamente meglio, io mi rilasso un po', li porto fuori separati e la giornata va discretamente bene, io sono esausta non per lo sforzo fisico ma per l'ansia. La notte migliore della prima anche se lui si rialza e va a mordere l'osso la notte. La giornata di domenica fila tranquilla, tra loro le cose migliorano sempre un po' di competizione ma molto più lieve. La nottata liscia, lui dorme e russa tutta la notte. Lei sempre addosso a me. Lunedì accennano a giocare insieme, li lascio anche per un'oretta soli in casa sperando e pregando di non trovare tutto a brandelli. 
Adottare un cane di 7 anni, di cui 5 passati in canile, di quasi 50 kg, fobico, deprivato, mezzo cieco, acciaccato non è una passeggiata di per se, se ci aggiungi avere a casa una canina fragile e molto preoccupata dal mondo, che per 6 anni è stata la mia anima e l'unica regina indiscussa della casa ancora meno. Se ci metti che io ho paura di fare cazzate e non voglio far star male nessuno dei due il cocktail è letale. Poi ci sono loro che nell'arco di 3 secondi smontano ogni tua ansia e ti fanno capire che il mondo è comunque meraviglioso e la vita va vissuta a pieno.
Il più bel regalo di Natale l'ho avuto il 24 di Novembre e se si può amare ancora di più Jun di quanto già l'amassi lo faccio, così come amo Dee Dee alla follia. Loro insegnano ogni giorno e mi spronano ad essere un essere umano migliore. Jun mi ha cambiato la vita, questo ve l'ho già detto, e lei è la miglior maestra che abbia mai avuto e le devo tutto l'amore di questo mondo. Scommetto che Dee Dee non sarà da meno, così come Jun mi insegnerà tanto altro in questo proseguo di vita insieme.

Adottate un cane adulto, di cani come Dee Dee invisibili al mondo ce ne sono in ogni canile. Andate a scoprirli ed abbiate la pazienza di conoscerli, di farvi conoscere e di metterci tutto il tempo e la pazienza del mondo per far si che possa abituarsi a voi ed alla vostra famiglia. Vi cambieranno la vita e ne uscirete più ricchi dentro che mai.

Commenti

Post popolari in questo blog

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…

Il Rescue Remedy è il rimedio di Bach più conosciuto.

Così come suggerisce il nome,viene utilizzato nei casi di emergenza, ovvero quando accade qualcosa di particolarmente devastante per noi, i nostri cari o i nostri animali, come ad esempio:incidente;lutto improvvisostress perpetuato nel tempoaggressionepaura La somministrazione consiste in 4 gocce ogni 15 minuti finchè non cominciamo a calmarci, da prendere direttamente in bocca o in una bevanda. Il Rescue Remedy è molto utile per i nostri animali nel periodo di Capodanno, quando i fuochi d’artificio li terrorizzano, aiutando a non cedere al panico. In questo caso è ottimo partire in anticipo preparando una boccetta contagocce da 30 ml con acqua e 4 gocce di Rescue Remedy e somministrare 4 gocce 4 volte al giorno già una ventina di giorni prima e concludere la somministrazione intorno alla prima settimana di gennaio. Durante il periodo di festeggiamento intenso, aumentare la frequenza delle somministrazioni. La Nelsons Homeopathic Pharmacy ha creato un Rescue Remedy specifico per gli anim…

Anche i cani sognano!

Anche il cane sogna: proprio come noi quando ci addormentiamo e la nostra mente è libera di vagare, per il nostro amico la risposta onirica è simile. Uomo e cane, vivendo a stretto contatto, spesso spartiscono abitudini, gusti e ritmi. In particolare la routine quotidiana di veglia e di sonno, molto evidente nei cani che vivono in casa. Il nostro amico Fido ha imparato ad adeguarsi ai nostri ritmi e, a dispetto della nomea che lo vorrebbe vigile e attento, spesso lo si può ritrovare acciambellato nella cuccia o sul divano. Quello che incuriosisce è come le reazioni tra uomo e cane siano molto simili, in particolare nei confronti del sonno. Il cane affronta una fase di preparazione al riposo che assomiglia a un rituale, che consiste nella ricerca del luogo e della posa più comoda. Secondo alcuni studi sia cane che gatto durante il riposo possono affrontare due fasi diverse: il sonno a onde lente (NRem) e il sonno paradosso(Rem). Proprio come per l’uomo, nella prima fase il cane passa d…