Passa ai contenuti principali

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.


  • I cani neri sono più pericolosi
  • I cani neri fanno paura
  • I cani neri hanno più probabilità di mordere
  • I cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi


Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni? 
Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO
Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logico fra il colore del pelo e il carattere di un cane. 
Molto spesso, passeggiando in città, le persone si scansano, i proprietari di altri cani accorciano il guinzaglio e le mamme prendono per mano i loro bambini.
Le persone che lavorano nei gruppi per le adozioni o nei canili sostengono che queste idee negative, che aleggiano nella nostra testa, sono diventate degli stereotipi supportati da immagini, presenti in film, libri e programmi televisivi. Questa circostanza fa si che i canili di tutto il mondo siano pieni di cani neri, che avendo molte difficoltà ad essere adottati, subiscono in prima persona il pregiudizio nei loro confronti.
Molti ricorderanno che fino agli anni 80 parecchi genitori dicevano ai loro figli “fai il bravo che altrimenti arriva l’uomo nero!”. Abbiamo fatto molti passi in avanti su questo tema e molti altri vanno ancora fatti, ma il pregiudizio e il razzismo sembra agli stessi livelli degli anni 80.
Io sono fiera di far parte di un centro cinofilo che ha un bellissimo poster dedicato ai BLACK DOGS. 
UNA BELLA INIZIATIVA

Fred Levy è un fotografo di Maynard, nel Massachusetts, che ha recentemente lanciato il progetto “Black Dogs” per raccontare la storia delle difficoltà che i quattro zampe dal manto corvino devono affrontare quando sono in attesa di essere adottati. Una serie di foto di cani neri su uno sfondo scuro che potete trovare a questo link: Black Dog Project



Commenti

Post popolari in questo blog

Il Rescue Remedy è il rimedio di Bach più conosciuto.

Così come suggerisce il nome,viene utilizzato nei casi di emergenza, ovvero quando accade qualcosa di particolarmente devastante per noi, i nostri cari o i nostri animali, come ad esempio:incidente;lutto improvvisostress perpetuato nel tempoaggressionepaura La somministrazione consiste in 4 gocce ogni 15 minuti finchè non cominciamo a calmarci, da prendere direttamente in bocca o in una bevanda. Il Rescue Remedy è molto utile per i nostri animali nel periodo di Capodanno, quando i fuochi d’artificio li terrorizzano, aiutando a non cedere al panico. In questo caso è ottimo partire in anticipo preparando una boccetta contagocce da 30 ml con acqua e 4 gocce di Rescue Remedy e somministrare 4 gocce 4 volte al giorno già una ventina di giorni prima e concludere la somministrazione intorno alla prima settimana di gennaio. Durante il periodo di festeggiamento intenso, aumentare la frequenza delle somministrazioni. La Nelsons Homeopathic Pharmacy ha creato un Rescue Remedy specifico per gli anim…

Jun e Dee Dee: il sogno si avvera!

Venerdì 24 Novembre 2017 è arrivato a casa Dee Dee (Nerone). 
Venerdì ero in completa agitazione, la mattina ho vagato per tutta casa come una pazza, poi avevo la visita dall'omeopata ed avevo paura di arrivare in ritardo in canile.  Arrivo, in canile c'era una mezza emergenza, quindi ho dovuto attendere, sono andata in bagno di corsa perché dall'agitazione me la stavo per fare addosso.  Compilo i fogli e prendo Dee Dee, arrivo a Firenze sud, coda in autostrada e naturalmente io me la stavo rifacendo sotto. Arrivo a casa, saliamo e visto che ormai era tardi decido di uscire velocemente tutti e 3 a fare la passeggiata. Se ho ancora le braccia è per miracolo. La prima sera sono un fascio di nervi, entrambi sono agitati ed io non voglio fare cazzate. Preparare la cena per loro è un delirio, cercare di evitare che la situazione degeneri in una situazione spiacevole anche. L'ora di andare a letto si avvicina ed io provo a farli dormire separati, ma lui da solo proprio non ce l…